La Corte Costituzionale francese ritorna ad occuparsi della problematica tutela del diritto di disporre liberamente del proprio patrimonio da parte di persone vulnerabili, una difficile sintonia tra potere di disposizione e presunzionidi vulnerabilità: tra atti di liberalità e sospette gratuità Art. 909, comma 1, del Code civil (Conseil Constitutionnel, sent. n. 2022-1005 QPC, del 29 luglio 2022)

Il Conseil Constitutionnel, su ordinanza di rimessione della Corte di Cassazione (première chambre civile, n. 521 del 24 maggio 2020), è chiamato a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale dell’art. 909 del Code civil, nel testo risultante dalla legge n. 2007-308 del 5 marzo 2007 recante riforma delle disposizioni in materia di protezione giuridica dei maggiorenni: «gli […]

L’incidente di costituzionalità è incompatibile con il rito sulla esclusione dalle elezioni ex art. 129 cpa. (C.G.A.R.S., sez. giur.,12 settembre 2022, n. 949)

L’incidente di costituzionalità è logicamente e giuridicamente incompatibile con il rito di cui all’art. 129 c.p.a., non potendo la parte ottenere, dall’eventuale accoglimento della questione di costituzionalità, alcuna utilità in termini di conseguimento del bene della vita: – vuoi in forma specifica, stante l’impossibilità, da parte del giudice che solleva l’incidente di costituzionalità, di sospendere […]

Rimessa alla CGUE la questione concernente l’interpretazione dell’art. 49 del Codice della navigazione e il principio dell’accessione gratuita in tema di concessioni balneari (Consiglio di Stato, sez. VII, sent. 28 giugno 2022 – 15 settembre 2022, n. 8010)

Il Consiglio di Stato ha rimesso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la seguente questione: “Se gli artt. 49 e 56 TFUE ed i principi desumibili dalla sentenza Laezza (C- 375/14) ove ritenuti applicabili, ostino all’interpretazione di una disposizione nazionale quale l’art. 49 cod. nav. nel senso di determinare la cessione a titolo non oneroso […]

La Corte EDU sulla mancanza di adeguate indagini rispetto a minacce e reiterata violenza sessuale (CEDU, sez. I, sent. 8 settembre 2022, ric. n. 35898/16)

La Corte EDU si è pronunciata sul ricorso presentato da una cittadina croata col quale ha lamentato la violazione dell’art. 3 CEDU, per mancanza di adeguate indagini da parte delle autorità nazionali, nonostante abbia denunciato più volte le gravi minacce di morte e gli abusi subiti dal padre, sostenendo, peraltro, di aver ricevuto un trattamento […]

La Corte EDU su obblighi positivi dello Stato e libertà di espressione dei giornalisti (CEDU, sez. II, sent. 6 settembre 2022, ric. n. 24738/19)

La Corte EDU si è pronunciata sul ricorso presentato da quattro cittadini serbi, i quali hanno lamentato la presunta violazione dell’articolo 10 della Convenzione per il mancato adempimento da parte delle autorità nazionali del loro obbligo positivo di proteggerli dalle minacce e da una campagna mediatica contro di loro, che li ha intimiditi e dissuasi […]

La CEDU su raccolta di dati sensibili di un potenziale donatore di sangue e durata eccessiva della loro conservazione (CEDU, sez. V, sent. 8 settembre 2022, ric. nn. 3153/16 e 27758/18)

La Corte Edu si pronuncia su due domande presentate da un cittadino francese che lamentava di non aver potuto procedere alla donazione di sangue in conseguenza del suo rifiuto di rispondere alle domande in merito alla sua vita sessuale durante la visita medica precedente alla donazione stessa, rifiuto che era stato considerato sintomatico di un […]

Parzialmente illegittima la normativa sulla responsabilità civile dei magistrati in quanto non prevede il risarcimento dei danni non patrimoniali dei diritti inviolabili della persona anche diversi dalla libertà personale (Corte cost., sent. 6 luglio – 15 settembre 2022, n. 205)

Con la sentenza n. 205 del 2022 la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 1, L. 13 aprile 1988, n. 117 (Risarcimento dei danni cagionati nell’esercizio delle funzioni giudiziarie e responsabilità civile dei magistrati), nel testo antecedente alla modifica apportata dall’art. 2, comma 1, lettera a), L. 27 febbraio 2015, n. 18 […]

La Corte di Giustizia si pronuncia sullo status di cittadino di Paesi terzi e sullo status di soggiornante di lungo periodo (CGUE, Grande Sezione, 7 settembre 2022, C-624/20)

L’articolo 3, paragrafo 2, lettera e), della direttiva 2003/109/CE del Consiglio, del 25 novembre 2003, relativa allo status dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, deve essere interpretato nel senso che la nozione di soggiorno «unicamente per motivi di carattere temporaneo», ivi menzionata, è una nozione autonoma di diritto dell’Unione, che […]