Il Tribunale costituzionale portoghese sulla promozione del diritto all’autodeterminazione dell’identità di genere e dell’espressione di genere nell’ambito del sistema educativo (Tribunal Constitucional, Plenário, acórdão 29 giugno 2021, n. 474)

Le previsioni di cui all’art. 12, commi 1 e 3 della L. n. 38/2018 concernenti la promozione del diritto all’autodeterminazione dell’identità di genere e dell’espressione di genere nel contesto del sistema educativo vengono dichiarate incostituzionali per violazione della riserva di legge parlamentare. È stata sottoposta al controllo di costituzionalità una legge in materia di diritti, […]

La Corte Costituzionale francese sulla natura giuridica di alcune disposizioni del Codice del consumo, artt. L. 412-4, commi 12, 13 e 14, L. 412-9, L. 412-11 e L. 412-12: etichetta dei prodotti alimentari e teoria delle fonti. (Conseil Constitutionnel, sent. n. 2021-295 L, del 24.6.2021)

L’annotata decisione del Conseil Constitutionnel n. 2021-295 L appartiene alla categoria del Déclassement legislatif, classificata con la lettera L (legge): l’art. 37, co. 2, della Costituzione francese prevede che i testi di forma legislativa successivi all’entrata in vigore della Costituzione non possono essere modificati con decreto, a meno che il Consiglio costituzionale, su richiesta del […]

La Corte Costituzionale si pronuncia sul termine di impugnazione del riconoscimento del figlio: illegittima la decorrenza del termine annuale dal momento dell’annotazione dell’atto invece che dalla scoperta di non essere il padre biologico (Corte cost., sent. 12 maggio-25 giugno 2021, n. 133)

Con sentenza n. 133 del 2021, la Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l’art. 263, terzo comma, cod. civ., come modificato dall’art. 28, comma 1, del decreto legislativo 28 dicembre 2013, n. 154 (Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell’articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219), nella parte in […]

Stabilimenti ex Ilva: illegittimità dell’ordinanza del Sindaco di Taranto per mancanza di un imminente pericolo per la salute (Consiglio di Stato, sez. IV, sent. 13 maggio 2021 – 23 giugno 2021, n. 4802)

È illegittima, per mancanza di un imminente pericolo per la salute, l’ordinanza d’urgenza n. 15 del 27 febbraio 2020, con la quale il Sindaco di Taranto aveva ordinato al gestore e al proprietario dello stabilimento siderurgico “ex Ilva”, di individuare entro 60 giorni gli impianti interessati da emissioni inquinanti e rimuoverne le eventuali criticità, e […]

Accesso agli atti e tutela delle fonti informative del giornalista (T.A.R. Lazio, sez. III, sent. 10 marzo 2021 – 18 giugno 2021, n. 7333)

Nel caso in esame, il servizio di inchiesta giornalistica, nel cui ambito è stata fornita la rappresentazione di circostanze asseritamente riguardanti l’attività professionale del ricorrente, aveva ad oggetto la gestione dei fondi regionali e la complessa rete di rapporti che vedrebbero coinvolti l’amministrazione locale e i professionisti attivi sul territorio della Regione Lombardia e che […]

Possibili due difensori per l’ente accusato. (Cass. Pen. Sez. VI, 22 aprile-25 maggio 2021, n. 20728)

L’effetto estensivo a favore dell’ente con riferimento al ricorso per cassazione proposto dall’imputato del reato da cui discende la responsabilità amministrativa dell’ente non si produce se il ricorso dell’imputato viene rigettato o dichiarato inammissibile. Inoltre, in applicazione dell’art. 35 d.lgs. n. 231/2001, devono estendersi all’ente le disposizioni processuali relative all’imputato, per cui anche nel processo […]

M.A.E.: non è deducibile per la prima volta in cassazione il mancato rispetto delle garanzie di cui all’art. 6 L. 69/2005. (Cass. Pen. Sez. VI, 12 maggio-14 maggio 2021, n. 19138)

In tema di mandato di arresto europeo esecutivo, non è deducibile per la prima volta in sede di legittimità la questione del mancato rispetto, nel processo svoltosi nello Stato richiedente, delle garanzie previste dall’art. 6 della legge 22 aprile 2005, n. 69, per la cui risoluzione è necessaria un’attività istruttoria, incompatibile con la cognizione attribuita […]

La Corte di Giustizia si pronuncia in tema di soggiorno temporaneo e di allontanamento dal territorio dello Stato membro ospitante (CGUE, Grande Sezione, 22 giugno 2021, C-719/19)

L’articolo 15, paragrafo 1, della direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, che modifica il regolamento (CEE) n. 1612/68 ed abroga le direttive 64/221/CEE, 68/360/CEE, 72/194/CEE, 73/148/CEE, 75/34/CEE, 75/35/CEE, […]

La Corte di Giustizia si pronuncia in tema di allontanamento per motivi di ordine pubblico nei confronti di cittadini dell’Unione o di loro familiari (CGUE, Grande Sezione, 22 giugno 2021, C-718/19)

Gli articoli 20 e 21 TFUE nonché la direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, che modifica il regolamento (CEE) n. 1612/68 ed abroga le direttive 64/221/CEE, 68/360/CEE, 72/194/CEE, […]