Ripristino di controlli alle frontiere interne: la direttiva «rimpatri» si applica a qualunque cittadino di un paese terzo che sia entrato nel territorio di uno Stato membro senza soddisfare le condizioni d’ingresso, di soggiorno o di residenza (CGUE, Prima Sezione, 21 settembre 2023, C-143/22)

Il regolamento (UE) 2016/399 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, che istituisceun codice unionale relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone(codice frontiere Schengen), e la direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del16 dicembre 2008, recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio […]

La Corte di Giustizia si pronuncia in tema di cooperazione giudiziaria in materia penale e mandato d’arresto (CGUE, Sesta Sezione, 14 settembre 2023, C-71/21)

L’articolo 1, paragrafo 3, dell’accordo tra l’Unione europea e la Repubblica d’Islanda e il Regno diNorvegia, relativo alla procedura di consegna tra gli Stati membri dell’Unione europea e l’Islanda ela Norvegia, approvato, a nome dell’Unione europea, con la decisione 2014/835/UE del Consiglio,del 27 novembre 2014, riguardante la conclusione dell’accordo tra l’Unione europea e la Repubblicad’Islanda […]

Il divieto della doppia incriminazione non sembra ostare all’esecuzione di un mandato d’arresto europeo nei confronti del responsabile di un sistema piramidale fraudolento messo in atto in Spagna e in Portogallo (CGUE, Prima Sezione, 21 settembre 2023, C-164/22)

L’articolo 3, punto 2, della decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativaal mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri, come modificata dalladecisione quadro 2009/299/GAI del Consiglio, del 26 febbraio 2009, deve essere interpretato nelsenso che osta all’esecuzione di un mandato d’arresto europeo emesso da uno Stato membro in […]

La Corte di Giustizia si pronuncia sul diritto di avvalersi di un difensore nel procedimento penale (CGUE, Quarta Sezione, 7 settembre 2023, C-209/22)

L’articolo 2, paragrafo 1, della direttiva 2012/13/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22maggio 2012, sul diritto all’informazione nei procedimenti penali, nonché l’articolo 2, paragrafo 1,della direttiva 2013/48/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, relativa aldiritto di avvalersi di un difensore nel procedimento penale e nel procedimento di esecuzione delmandato […]

Gli organi giurisdizionali nazionali sono tenuti a disapplicare un atto che dispone, in violazione del diritto dell’Unione, la sospensione di un giudice dalle funzioni (CGUE, Grande Sezione, 13 luglio 2023, C-615/20 e 671/20)

L’article 19, paragraphe 1, second alinéa, TUE doit être interprété en ce sens qu’il s’oppose à desdispositions nationales qui confèrent à une instance dont l’indépendance et l’impartialité ne sont pasgaranties la compétence pour autoriser l’ouverture de procédures pénales contre des juges desjuridictions de droit commun et, en cas de délivrance d’une telle autorisation, pour suspendre […]

La Corte di Giustizia si pronuncia su una normativa nazionale che limita la competenza del giudice contabile e sui principi di effettività e di equivalenza (CGUE, Prima Sezione, 13 luglio 2023, C-363/21 e 364/2021)

Il regolamento (UE) n. 473/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, sulledisposizioni comuni per il monitoraggio e la valutazione dei documenti programmatici di bilancioe per la correzione dei disavanzi eccessivi negli Stati membri della zona euro, il regolamento (UE) n.549/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo […]

La Corte di Giustizia si pronuncia sul principio di buona amministrazione della giustizia e sul diritto ad una tutela giurisdizionale effettiva (CGUE, Quarta Sezione, 13 luglio 2023, C-35/22)

L’articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente leclausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, letto alla luce del principio di effettività,deve essere interpretato nel senso che esso non osta a una normativa nazionale in forza della quale,in mancanza di adempimento da parte di un consumatore di una […]

La Corte di giustizia si pronuncia sulla protezione dei diritti fondamentali e in particolare sul divieto imposto al giudice nazionale di rilevare d’ufficio una violazione dell’obbligo di informare prontamente una persona indagata in merito al suo diritto di restare in silenzio (CGUE, Grande Sezione, 22 giugno 2023, C-660/21)

Gli articoli 3 e 4 nonché l’articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 2012/13/UE del Parlamento europeoe del Consiglio, del 22 maggio 2012, sul diritto all’informazione nei procedimenti penali, letti allaluce degli articoli 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, devono essereinterpretati nel senso che essi non ostano ad una normativa nazionale, la […]