Occorre attestare il passaggio in giudicato della sentenza per poter azionare il rimedio dell’ottemperanza (T.A.R. Lazio, sez. III bis, sent. 19 febbraio 2019, n. 2243) Stampa la pagina

Secondo i giudici amministrativi capitolini, è onere del ricorrente in ottemperanza produrre in giudizio copia autentica del provvedimento, per cui è chiesta l’ottemperanza, con l’attestazione del passaggio in giudicato. Il ricorso, presentato nei termini indicati dall'art. 114, comma 2, c.p.a., ma sprovvisto della certificazione comprovante il passaggio in giudicato della sentenza, va dichiarato inammissibile.