Mandato di arresto europeo e verifica delle condizioni carcerarie dello Stato membro da parte del Giudice dell’esecuzione (Cass. pen., sez. VI, 21 febbraio 2018 – 26 febbraio, n. 8916) Stampa la pagina

Alla luce delle disposizioni contenute nella l. n. 69/2005, nonché della giurisprudenza della Cedu, il giudice dell'esecuzione è tenuto a verificare in concreto le condizioni carcerarie dello Stato membro che ha emesso il mandato d'arresto europeo, al fine di scongiurare la sottopozione della persona interessata a trattamenti inumani o degradanti.

Link ed allegati