Lo Stato costituzionale di diritto e il ruolo del giudice, oggi Stampa la pagina

Autore: Vincenzo Baldini

 

Il presente lavoro analizza in chiave diacronica l’evoluzione della categoria dello Stato di diritto fino ad analizzare i fattori dinamici di un’esperienza che sembra mettere a dura prova la tenuta del modello stesso. In questo contesto, al giudice è riservato un ruolo delicato di interprete anche delle norme costituzionali che tuttavia non può spingersi fino a far prevalere un senso soggettivo di giustizia attraverso soprattutto la percezione primaria della fattispecie concreta quale fattore di orientamento  ai fini dell’esegesi normativa.

The present paper aims to analyze the development of the category of the “rule of law”. In a context of a changing order, the judge develops the role of interpreter of constitutional law. This activity should not lead to assert a subjective sense of justice through the consideration of concrete individual case as a factor of orientation for the purposes of exegesis of the law.

Link ed allegati