Privacy in ambito professionale: diritto alla riservatezza nel rapporto tra difensore e assistito (CEDU, sez. V, sent. 27 aprile 2017, ric. n. 73607-13)

La Corte di Strasburgo ha ritenuto violato l’art. 8 della Convenzione EDU in tema di tutela della riservatezza professionale e vita privata, poiché le autorità tedesche avevano disposto l’accesso al conto bancario professionale di un avvocato penalista nel corso di un’indagine svolta rendendo disponibili informazioni sul conto e sui clienti del legale. La Corte ha […]

È incostituzionale la legge regionale della Puglia che ha istituito la cd. “ecotassa” ai Comuni per smaltire i rifiuti in discarica (Corte cost. sent., 22 marzo 2017 – 13 aprile 2017, n. 85)

La Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 7, comma 8, della legge della Regione Puglia 30 dicembre 2011, n. 38 (Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2012 e bilancio pluriennale 2012-2014 della Regione Puglia), nella parte in cui prevede che «[a]gli scarti e ai sovvalli di impianti di selezione automatica, riciclaggio e compostaggio […]

Affitti in nero: la Corte Costituzionale dichiara non fondata la questione sollevata dai proprietari degli immobili (Corte cost. sent., 22 marzo 2017 – 13 aprile 2017, n. 87)

Non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 59, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)», nella parte in cui sostituisce l’art. 13, comma 5, della legge 9 dicembre 1998, n. 431 (Disciplina delle locazioni e […]

I servizi farmaceutici sono principi fondamentali in materia di tutela della salute non valutabili dalla discrezionalità del legislatore regionale (Corte cost. sent., 21 marzo 2017 – 7 aprile 2017, n. 66)

Va dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 2, della legge della Regione Piemonte 16 maggio 2016, n. 11 in quanto determina un ampliamento del novero degli esercizi commerciali abilitati ad effettuare prestazioni analitiche (rilevamento di trigliceridi, glicemia e colesterolo totale), includendovi quelli a cui la legislazione statale permette solo la vendita di talune ristrette categorie di medicinali, […]

È irragionevole esigere, tra i requisiti per la stipulazione della convenzione urbanistica per tutte le attività svolte nelle attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, l’utilizzo della lingua italiana (Corte cost., sent. 7 marzo 2017 – 7 aprile 2017, n. 67)

Va dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 2 della legge della Regione Veneto 12 aprile 2016, n. 12 nella parte in cui, nell’introdurre nella legge regionale 23 aprile 2004, n. 11, l’art. 31-ter, al suo comma 3, dispone che «nella convenzione può, altresì, essere previsto l’impegno ad utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle […]

Indennità di disoccupazione con i contributi ridotti per i lavoratori agricoli e interpretazione adeguatrice (Corte Cost., sent. 22 febbraio 2017 – 10 marzo 2017, n. 53)

La Consulta ha dichiarato non fondata la questione relativa all’esclusione per i soli lavoratori agricoli dall’indennità di disoccupazione “con i contributi ridotti” maturata per i periodi lavorati nel 2012, affermando che alla stessa soluzione si sarebbe potuti giungere attraverso un’interpretazione costituzionalmente orientata. Questa Corte ha già affermato che «l’eventuale diversa applicazione data dall’INPS alla norma […]

La Corte Costituzionale si pronuncia in materia di detenzione domiciliare speciale e madri condannate (Corte Cost., sent 8 marzo 2017, n. 76)

E’ costituzionalmente illegittimo l’art. 47-quinquies, comma 1-bis, della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), nella parte in cui esclude le madri condannate per un delitto indicato nell’art. 4-bis della legge n. 354 del 1975, dalla possibilità di espiare, sin dall’inizio, la pena […]

Violenza domestica: condannata l’Italia per l’inerzia delle autorità (CEDU, Sez. I, 2 marzo 2017, ric. n. 41237/14)

La Corte EDU ha condannato l’Italia per la violazione degli articoli 2, 3 e 14 della Convenzione, in quanto le autorità italiane non agendo tempestivamente mediante l’adozione di adeguate misure di protezione della ricorrente, vittima di violenza domestica, hanno determinato una situazione di impunità, che ha favorito la reiterazione delle condotte violente del marito determinando […]

La Corte si pronuncia sull’insegnamento universitario in lingua inglese (Corte Cost., sent. 21 febbraio 2017 – 24 febbraio 2017, n. 42)

Dichiarando non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 2, comma 2, lettera l), della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario), La lingua italiana è dunque, nella sua ufficialità, e […]

Per la Corte di Strasburgo la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza viola la Convenzione EDU (CEDU, Grande Camera, sent. 23 febbraio 2017, ric. n. 43395/09)

La Grande Camera della Corte di Strasburgo ha riscontrato una violazione della libertà di circolazione a causa della mancanza di prevedibilità della legge ed una violazione dell’articolo 6 della Convenzione a causa della mancanza di un’udienza pubblica presso il Tribunale e la Corte d’Appello, escludendo le violazioni sia dell’articolo 6, par. 1  (diritto ad un […]